Touch Design

Apple dice no al touch su computer desktop

I dispositivi muniti di touchscreen ormai dominano in ogni ambito della nostra vita. Dallo smartphone al tablet, dal phablet al notebook, l’abitudine ad usare tasti fisici si sta mano a mano abbandonando a favore di un’interazione diretta con schermi sempre più sensibili e reattivi.

Eppure, a sorpresa, c’è chi afferma che in determinati ambiti il vecchio schermo tradizionale, il mouse e la tastiera restino comunque preferibili al touchscreen. Questa affermazione è stata fatta nientemeno che da Phil Schiller, vice presidente della sezione marketing della Apple, l’arcinota azienda di Cupertino che ha conquistato il mondo intero prima con i suoi computer Mac e poi con gli iPhone. Secondo Schiller la tecnologia touch è adeguata a schermi di piccole o medie dimensioni; mentre su schermi più grandi diventa “assurda”, o quantomeno molto scomoda. In effetti, doversi muovere con le mani su una superficie molto ampia che per di più sta sollevata e non si trova in una posizione orizzontale può essere davvero faticoso e sembrerebbe non avere molto senso. In questo modo quindi Shiller sembra escludere un’evoluzione futura in cui anche i computer Mac possano adottare la tecnologia del touchscreen. In realtà però le parole del vice presidente marketing Apple potrebbero essere lette più come una provocazione che altro. In effetti l’esperienza di Microsoft con Surface dimostra come invece il touchscreen possa servire egregiamente anche su superfici più ampie, quindi è probabile che almeno per i notebook esso possa essere adottato in futuro. Tanto più che si sono moltiplicati anche i dispositivi di supporto, hardware esterni che all’occorrenza possono essere collegati ai dispositivi touch trasformandoli in computer a tutti gli effetti. C’è da dire però che evidentemente per i suoi Mac la Apple ha voluto prendere una direzione diversa, come dimostra la più grande innovazione che è stata introdotta nell’ultima generazione di questi dispositivi, vale a dire la touch bar. La touch bar è una piccola barra montata su un display touchscreen che si trova sopra la tastiera fisica dei Macbook e che riporta alcuni comandi molto semplici ed essenziali, ma che permettono di svolgere tutte le funzioni più importanti da pc. La touch bar è un prodotto molto innovativo che coniuga egregiamente la tastiera fisica con quella virtuale. Ma dalla Apple arrivano anche altre novità, ancora una volta relative allo schermo. Sembra infatti che anche la Mela Morsicata voglia iniziare a produrre dispositivi edge to edge, vale a dire con bordi attorno allo schermo molto sottili, quasi invisibili. Dopo Dell e Xiaomi quindi anche Apple lancerà dei prodotti in cui la carenatura esterna del display sarà ridotta al minimo; la sperimentazione però non avrà inizio dagli iPhone ma dagli iPad. Per la nuova linea Pro di iPad sono infatti stati annunciati tre modelli: due saranno gli aggiornamenti dei già esistenti iPad a 9,7” e 12,9”, e il terzo invece avrà uno schermo edge to edge 10,9”. Sostanzialmente le dimensioni di questa terza variante saranno le stesse del modello 9,7”, ma lo schermo sarà più grande, probabilmente anche per la rimozione del tasto “Home” già sperimentata nei modelli di iPhone 7 e 7 Plus. Altre novità che saranno introdotte saranno la presenza di un display True Tone con sensori a quattro canali in grado di calibrare la luminosità e la presenza di quattro microfoni per le video chat in sostituzione dei jack da 3,5 mm.

Benvenuti nel sito di Touch Design. Questo portale tratta di temi e notizie riguardanti il design in generale, campo in cui l'Italia eccelle da sempre. Se anche tu sei appassionato di design, architettura e temi affini, seguici regolarmente!