Touch Design

Custodia Raspberry Pi con touchscreen integrato

Raspberry Pi è un progetto relativamente nuovo che viene dal Regno Unito. Si tratta di una potente scheda per computer che può usare un sistema operativo sorgente o ospitarne degli altri e che è stata dotata fin dal primo momento di un gran numero di accessori. Uno degli ultimi che è apparso sul mercato, però, è piuttosto curioso e ha subito attirato l’attenzione del popolo informatico.

Si tratta di un contenitore per la scheda che è molto di più di una semplice scatolina o case: infatti ha integrato uno schermo touch. Questo particolare articolo non ha un nome ed è commercializzato da Banggood, un distributore della Cina. Il prodotto viene descritto come un contenitore pensato per Raspberry Pi versioni 3B+/3B/2B, munito di ventola di raffreddamento e di uno schermo LCD da 3.5 pollici. Inoltre si ottiene anche un pennino bianco incluso nel prezzo. Va fatto presente che la ventola di raffreddamento e lo schermo touch inclusi non possono funzionare contemporaneamente: o si sceglie l’una o si sceglie l’altro. Lo schermo touch ha dimensioni piuttosto ridotte e una risoluzione davvero poco alta, di appena 320 x 480 pixel. Se la risoluzione è bassa, lo stesso si può dire del prezzo, che è di poco più di 12 dollari. La cosa più antipatica sono i tempi di spedizione: visto che l’articolo viene spedito dalla Cina di solito impiega parecchi giorni per arrivare. Questo crea disagio soprattutto qualora si dovessero riscontrare dei problemi, perché quasi sicuramente si sforerebbe con i termini previsti per effettuare il reso. È anche vero che il prezzo irrisorio del prodotto non rende poi così drammatica la questione. Per farsi un’idea rispetto al funzionamento del contenitore si può dare una spulciata alle revisioni (non molte, a dire il vero) che sono comparse sul sito Banggood. Bisogna dire che sono tutte molto positive: in particolar modo si elogia la buona qualità del materiale con cui l’articolo è stato costruito, che dovrebbe garantire una buona sicurezza per il Raspberry Pi contenuto al suo interno. Un difetto che invece viene lamentato riguarda lo schermo che, a quanto pare, impiega una notevole quantità di tempo per fare il refresh della pagina. Questo rende abbastanza difficoltoso guardare un video o un filmato. In una parola viene evidenziato il fatto che si tratta solo di un display per la visualizzazione dei contenuti senza alcuna feature specifica. Ma, visto il prezzo, in tutta onestà non era possibile aspettarsi di più di così. Il contenitore senza nome può dunque essere un buon modo per trasportare il Raspberry senza correre il rischio che si danneggi, ma non ci si deve aspettare che lo schermo touch con cui è integrato possa servire a molto. In definitiva, sembra più conveniente tenere in funziona il ventilatore di raffreddamento che lo schermo touch! Al contrario, sembrano molto più interessanti altri usi che possono essere fatti del Raspberry Pi che è, a tutti gli effetti, un piccolo ma potente supercomputer. Ad esempio, il Raspberry, una volta impostato e dopo aver installato un sistema operativo, può diventare una console per videogames. Lo si può trasformare nell’“anima” di un piccolo robot, o in un impianto di allarme fatto in casa. Con questo cervello elettronico si possono dunque creare una molteplicità di strumenti tecnologici: il case con touchscreen sembra più una stravaganza che una vera necessità, ma volendo si può disporre anche di questo accessorio.

Benvenuti nel sito di Touch Design. Questo portale tratta di temi e notizie riguardanti il design in generale, campo in cui l'Italia eccelle da sempre. Se anche tu sei appassionato di design, architettura e temi affini, seguici regolarmente!