Touch Design

TouchPico. Il touchscreen per proiettori

Attualmente esiste l'opportunità di integrare il sistema operativo Android a qualunque apparecchiatura, compresi i miniproiettori, che non dispongono comunque di una modalità adeguata allo scopo di utilizzare la funzionalità tattile di questo sistema, nel momento in cui è visualizzabile a parete.

Presso IndieGoGo è giunto uno speciale strumento, chiamato TouchPico, in grado di ovviare a questa difficoltà integrando il feeling degli schermi touch a muro, attraverso un pratico sistema a infrarossi recentemente brevettato. In particolare si tratta di un apparecchio di esigue dimensioni che produce una interfaccia 854x480px automaticamente presso un ulteriore display oppure a muro. Con all'interno un rocket chip dual core di un giga, è dotato di una entrata ad alta definizione  in modo che vi sia l'opportunità di usarlo in quanto proiettore classico, integrando la connessione wireless, grazie a un os Android 4.0. Si tratta di un prodotto minimale, poco più ingombrante di un Galaxy S4, quindi è spostabile con relativa semplicità dato che si può tenere senza problemi all'interno delle tasche dei pantaloni o in valigetta. Quello che dona a questo prodotto una certa peculiarità è l'inclusione di una penna a infra rossi che consente di commutare qualunque piano in un grande display tattile con cui interagire, per un grandezza pari a ottanta pollici. Utilizzando il pennino presso un piano o muro restituisce un output a infra rossi che, colto da una camera digitale situata nella parte davanti del miniproiettore, viene recepito immediatamente. Questo vuole dire che i gli utilizzatori saranno in grado di usare il pennino alla stregua delle dita e comunicare così con il dispositivo medesimo. È stata comunicata l'integrazione a qualunque software ottenibile attraverso lo store di Google, ciò che consente a questo dispositivo di essere molto duttile e comodo, utile non unicamente per riunioni o conferenze, ma rivolto a docenti, madri, padri, e ragazzi con le più svariate passioni, racconta uno degli autori del brevetto. Questo dispositivo può infatti venire altresì usato per visionare qualunque video, così come una serie di fotografie, oppure per divertirsi tramite uno dei tantissimi videogiochi touch presenti all'interno del Google Play Store, come ad esempio Fruit Ninja e Angry Birds, o utilizzato alla stregua di una scrivania per realizzare documenti di testo o grafiche. TouchPico verrà immesso sul mercato prima del termine della stagione autunnale al costo di circa cinquecento dollari, ma, producendosi in uno stanziamento allo scopo di favorire il progetto, si presenta l'opportunità di ottenerlo a un prezzo speciale, a cominciare da trecento dollari, in base all'entità del finanziamento. Sono molti i progetti legati alla tecnologia touch screen in sviluppo in questi ultimi mesi, tutti rivolti a garantire un supporto migliore a questo tipo di feature, che resta tra le più apprezzate dagli utenti, ma al tempo stesso presenta alcune difficoltà per quanto concerne la piena implementazione su supporti che non ne hanno ancora giovato, come appunto i proiettori. Per quel che riguarda gli schermi di grandi dimensioni, in modo specifico quelli dei personal computer casalinghi, si rintraccia un adeguato supporto attualmente, ma per i proiettori i primi esperimenti cominciano a mostrarsi ora, come appunto TouchPico. Non resta che attendere ulteriori news e informazioni su questo progetto  start up a ridosso dell'immissione definitiva sul mercato.

Benvenuti nel sito di Touch Design. Questo portale tratta di temi e notizie riguardanti il design in generale, campo in cui l'Italia eccelle da sempre. Se anche tu sei appassionato di design, architettura e temi affini, seguici regolarmente!