Touch Design

Touchscreen per rallentare l’invecchiamento dei cani

Il cane è il migliore amico dell’uomo, e quando giunge il momento di separarci da un vecchio amico è sempre molto triste. Ancora più triste, però, è vedere questo vecchio amico che, con il passare del tempo, perde la sua voglia di giocare, magari comincia anche a dimenticare le cose, e cambiare la sua personalità per declinare lentamente verso l’oblio. Proprio come succede per le persone anche un cane perde le sua facoltà cognitive e fisiche man mano che gli anni passano, e fino ad ora era stata convinzione comune che un cane in età avanzata non potesse più apprendere nulla di nuovo.

Invece studi recenti hanno dimostrato che non è così, a patto però che nei suoi confronti vengano usati gli stimoli giusti: e le nuove tecnologie sembrano poter dare un notevole supporto in tal senso. Presso i laboratori del Messerli Research Institute di Vetmenduni, Vienna, un gruppo di ricercatori ha messo a punto dei giochi da poter far fare ai cani non più giovani usando degli schermi touch. I touchscreen sono già stati impiegati con successo nell’addestramento dei cuccioli: i cani amano interagire con lo schermo e sono molto propensi a farlo. Gli scienziati hanno pensato che, esattamente come gli esseri umani che, quando invecchiano, cercano di mantenere la loro mente giovane e attiva facendo dei giochi mentali come il sudoku o i cruciverba, così anche ai cani potevano essere insegnati nuovi giochini di abilità che non richiedessero più un notevole impegno dal punto i vista fisico, ma che li aiutasse a restare reattivi mentalmente. I risultati degli esperimenti che sono stati condotti hanno dato degli ottimi risultati. I cani interagiscono con lo schermo portando a termine i compiti che vengono loro affidati. Esattamente come accade anche nell’addestramento tradizionale, quando si comportano bene e dimostrano di aver capito l’esercizio loro affidato, vengono ricompensati con un bocconcino di loro gradimento. La ricompensa finale è di fondamentale importanza per i cani di qualunque età. L’autore della ricerca è la dottoressa Lisa Wallis, la quale ha spiegato che l’invecchiamento provoca un effetto simile tanto negli uomini che nei cani. I livelli di dopamina scendono progressivamente, causando il declino mentale dei soggetti e anche una loro scarsa propensione a muoversi. Questo declino però può essere, se non del tutto impedito o frenato, di certo sensibilmente rallentato con esercizi studiati appositamente, con una sorta di “allenamento mentale” che può contribuire a mantenere più a lungo in buona salute il soggetto, sia esso umano o canino. Ludwig Huber, altro autore della ricerca, ha aggiunto che l’uso dei touchscreen si è dimostrato particolarmente utile per ottenere lo scopo di coinvolgere gli animali, specie se incentivato attraverso l’erogazione di un premio ogni volta che il cane dimostra di aver portato a buon termine il compito che gli era stato affidato. Tutto questo però si trova ancora ad un livello puramente sperimentale: infatti sono state eseguite delle prove di laboratorio che hanno dato dei risultati molto soddisfacenti, ma si è ancora lontani dalla creazione di un modello che poi possa essere commercializzato. Lo scopo finale però è proprio questo: fornire ai proprietari di cani in età avanzata uno strumento che aiuti Fido ad invecchiare serenamente, conservando la sua lucidità mentale e la sua voglia di apprendere e imparare nuovi trucchetti, proprio come quando era un cucciolo.

Benvenuti nel sito di Touch Design. Questo portale tratta di temi e notizie riguardanti il design in generale, campo in cui l'Italia eccelle da sempre. Se anche tu sei appassionato di design, architettura e temi affini, seguici regolarmente!